La lenga d’oé e le lingue d’oc e d’oil

Compra questo
  • 19,00 € EUR

In questo volume si presenta una soluzione nuova alla vecchia questione della lingua dei Sermoni Subalpini.
La parlata sottesa in dette prediche, che gli esperti datano della fine del secolo XII, non è una lingua mista, ma la lenga d’oé. Una parlata in trasformazione, vicina ma diversa dalle lingue d’oc e d’oil con cui, oltre ad avere un sostrato simile, era in situazione di contatto.
Che la lingua d’oé fosse in trasformazione lo si nota dal fatto che le varie forme arcaiche si trovano soprattutto nelle prediche della prima metà. Anche l’alternanza sporadica di forme arcaiche e moderne equivalenti è una conferma del cambio linguistico in atto. Per quanto concerne la grammatica, le regole della lingua d’oé si ritrovano nelle parlate piemontesi antiche e moderne. Anche nel campo del lessico la lenga d’oé dimostra una sua chiara identità.
La presenza di alcune voci appartenenti alle lingue d’oil, nella prima parte, e d’oc, nella seconda, testimoniano che la lingua d’oé doveva essere in contatto con queste parlate. In sostanza, la distanza che intercorre tra la lingua d’oé ed il piemontese moderno è di gran lunga inferiore a quella che separa la lingua d’oil dal francese attuale.

Leggi l'estratto!


Autore: Bruno Villata
Codice EAN: 9788890451812
Numero di pagine: 89
Anno di pubblicazione: 2011